Giornata del migrante e del rifugiato

////Giornata del migrante e del rifugiato

Domenica 27 settembre è la 106esima Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, che ha come tema “Come Gesù Cristo, costretti a fuggire. Accogliere, proteggere, promuovere e integrare gli sfollati interni”.

In una lettera congiunta inviata ai sacerdoti e alle comunità parrocchiali, i direttori diocesani della Caritas, di Migrantes e dell’Ufficio Missionario evidenziano la propria disponibilità a raggiungere le parrocchie, i gruppi, le famiglie e i giovani partendo dall’approfondimento del messaggio del Papa.

Questa disponibilità sarà rinnovata lungo tutto il corso dell’anno pastorale e vorrebbe dare l’occasione ai vari gruppi parrocchiali di incontrare in prima persona i migranti e i rifugiati, ascoltando dalla loro voce una testimonianza dell’esperienza migratoria, delle varie ragioni che spingono alla mobilità umana, degli adattamenti necessari per vivere bene nel contesto d’accoglienza e di come noi stessi possiamo favorirli e renderli meno faticosi.

L’incontro con le singole persone risponde anche all’esigenza pastorale di rispettare l’unicità e l’originalità di ciascuno. La comunità cristiana diventa il luogo che nutre la speranza e cura le ferite attraverso la vicinanza e l’accompagnamento di ciascuna singola persona; è quella inevitabile parola di Gesù “ero straniero e mi avete accolto” che si materializza come imperativo evangelico e si trasforma in solidarietà verso il fratello e la sorella migrante.

Per organizzare degli incontri presso la propria parrocchia o gruppo, basterà quindi rivolgersi a uno dei tra Uffici diocesani per concordare modalità e tempi dell’evento.

2020-09-29T09:11:43+02:00 27 Settembre 2020|