Notificato il decreto del Dicastero per il Culto Divino. Accolta in via eccezionale la richiesta del Vescovo

Il Dicastero per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti ha trasmesso al vescovo di Ragusa monsignor Giuseppe La Placa il decreto con il quale stabilisce che «San Giovanni Battista è patrono principale della Diocesi e della Città di Ragusa e San Giorgio Martire è patrono “aeque principalis” della medesima città, escluso ogni altro titolo».

La Santa Sede ha risposto in questo modo, «in via del tutto eccezionale e stante la particolare situazione che nel tempo si è venuta a creare», alla richiesta che lo scorso 11 marzo era stata indirizzata dal vescovo che sollecitava, per «ragioni pastorali e storiche», di dichiarare San Giorgio patrono della Città di Ragusa “aeque principalis” con San Giovanni Battista.

«È solo a motivo della Sua valutazione pastorale – scrivono il prefetto cardinale Arthur Roche e il segretario monsignor Vittorio Francesco Viola ofm – che questo Dicastero risponde positivamente alla richiesta». E più avanti aggiungono: «Come pastore Ella ha giustamente ritenuto di farsi voce della maggior parte dei fedeli che, con semplicità e senza faziosità, si affidano con uguale devozione al patronato di San Giovanni Battista e di San Giorgio».

Monsignor Giuseppe La Placa, ricevuta la comunicazione, ha provveduto ad emanare il decreto di sua pertinenza relativo ai titoli dei compatroni e ha informato il parroco del duomo di San Giorgio don Pietro Floridia. Il vescovo fa propri i sentimenti dell’intera comunità di Ragusa e gioisce con tutti i fedeli che hanno sempre mostrato sinceri atteggiamenti di fede e di devozione ai patroni San Giovanni Battista e San Giorgio Martire.

Si allegano il decreto del Dicastero per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti e la lettera indirizzata al vescovo di Ragusa.

Lettera del Dicastero

Decreto del Dicastero

Decreto del Vescovo La Placa

Traduzione del decreto