Messaggio di Avvento 2019 di S. E. Mons. Carmelo Cuttitta, vescovo di Ragusa

///Messaggio di Avvento 2019 di S. E. Mons. Carmelo Cuttitta, vescovo di Ragusa

«Voce di uno che grida nel deserto:
preparate la strada del Signore, raddrizzate i suoi sentieri» (Mc 1,3). Così Giovanni Battista ci esorta a preparare la strada al Signore che viene.

Se è necessario prepararsi è perché qualcosa che ci interpella sta per presentarsi. Solo chi ama veramente è sempre disposto a prendere l’iniziativa, a sacrificarsi e a fare tanta strada dall’alto dei cieli per rendersi Presenza al fianco dell’uomo. Il Dio eterno si fa compagno di viaggio dell’uomo che cerca ed attende che gli si sveli il senso della propria vita.

«L’uomo d’avvento – dice Padre David Maria Turoldo – è quello che ha sentieri nel cuore, percorsi dai passi di Dio, e che a sua volta si mette in cammino per scoprirTi nell’ultimo povero, ritrovarTi negli occhi di un bimbo, vederTi piangere le lacrime nostre, oppure sorridere come nessuno».

È così il Signore si inginocchia davanti a Maria, attraverso l’Arcangelo Gabriele, per chiederle ospitalità, collaborazione e quel servizio che solo chi ha tanto spazio nel proprio cuore può offrire. L’umiltà di Maria è la strada maestra e materna, e quindi sicura, che l’uomo deve per-correre per incontrare Dio. Ma è anche la strada dritta e capace di accogliere i passi che il Creatore compie verso l’umanità di chi sa dire Fiat Voluntas Tua. In Maria troviamo, quindi, l’incontro tra il cammino di Dio verso l’uomo, e il percorso dell’uomo verso la strada che porta alla Salvezza. Ed è così che nella kenosi di Dio, passando dall’umiltà di Maria, l’uomo trova la Via per essere innalzato

Durante il tempo di Avvento, all’iniziativa divina di andare incontro all’uomo deve corrispondere la disponibilità dell’uomo di alzare lo sguardo e guardare la stella d’Oriente; solo guardando il Cielo, ci si può orientare sulla terra. Solo guardando a Dio l’uomo può trovare sé stesso e riconoscere gli altri. Come i magi, allora, dobbiamo percorrere la strada che porta all’Onnipotente che si fa presente in quel Bambino. Il pianto di quella notte, infatti, ci dice Io Sono qui; prenditi cura di me. In questo tempo di grazia Dio desidera che l’uomo impari a prendersi cura di Lui. Come tutti i bambini è esigente e chiede dedizione totale. Il tempo di chi si prende cura dell’Altro non lo si può possedere ma lo si dona gratuitamente e totalmente. Non lasciamo che il grido del bambino si perda nel deserto dei nostri egoismi. Risuoni il pianto di quel bambino nella nostra mente e nel nostro cuore, affinché possiamo essere svegliati dal sonno che non ci fa credere, pregare e vivere orientati verso l’(A)altro. Il pianto di quel Bambino ci ricordi, quindi, il comandamento dell’Amore: amare Dio, che si fa prossimo a me, e amare il prossimo, attraverso cui mi avvicino a Dio.

L’Ora dell’Avvento, così, ci porta dritti all’Ora decisiva dell’Incarnazione in cui avviene il mirabile scambio. L’immanente incontra il Trascendente, il Cielo abbraccia la terra, il tempo bacia l’Eternità, la Vergine partorisce, la Grazia avvolge il peccatore, Colui che scende dalle stelle rende gli uomini stelle del firmamento.

L’Avvento è il tempo straordinario della Chiesa pellegrina sulla terra. È il tempo in cui le tenebre iniziano a diradarsi in quanto il Sole di Giustizia sta sorgendo. È il già e il non ancora dei tempi ultimi quando Cristo sarà tutto in tutti!

Maranatha, Signore Gesù

Buon cammino di Avvento

+ Carmelo, vescovo

2019-12-06T15:08:53+02:00 6 Dicembre 2019|

New Courses

Contact Info

1600 Amphitheatre Parkway New York WC1 1BA

Telefono: 1.800.458.556 / 1.800.532.2112

Fax: 458 761-9562

Web: ThemeFusion

Articoli recenti

Instagram

  • Perché avete paura?
Non avete ancora fede?

#igersvaticano 
#igersroma 
#piazzasanpietro 
#preghiera 
#indulgenzaplenaria 
#urbietorbi 
#papafrancesco 
#santissimosacramento 
@pontifex_ita 
@vaticannews 
@vaticanolasantasede 
@papa.francesco_twitter
  • «Padre nostro che sei nei cieli sia santificato il Tuo nome venga il Tuo Regno sia fatta la Tua volontà come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori e non abbandonarci alla tentazione ma liberaci dal male Amen»

#padrenostro 
#preghiera 
#diocesidiragusa 
#tuttiinsieme 
#andràtuttobene 
#diopadre
  • ANDRÀ TUTTO BENE

#andràtuttobene 
#diocesidiragusa 
#diofradinoi 
#tuttiinsieme 
#preghiera
  • ANDRÀ TUTTO BENE con l'aiuto di Dio

#andràtuttobene 
#vescovodiragusa 
#vescovo 
#siamopositivi 
#iorestoacasa 
#noistiamoacasa 
#diofradinoi 
#aiutodivino
  • È disponibile on line il nuovo numero di Insieme
  • "L'attenzione e la carità che rivolgiamo al malato ha il potere di tradursi nella carezza di Dio"

#giornatadelmalato #diocesidiragusa #carmelocuttitta #lourdes
  • ⭕ VITA PASTORALE IN 60 SECONDI “Con lo sguardo del Narratore – l’unico che ha il punto di vista finale – ci avviciniamo ai protagonisti, ai nostri fratelli e sorelle, attori accanto a noi della storia di oggi” (Messaggio del Papa per la 54ª Giornata mondiale delle comunicazioni sociali). Inauguriamo su questa pagina social una rubrica che racconta in 60 secondi le esperienze pastorali ordinarie e qualche volta straordinarie della Chiesa diocesana nelle sue diverse articolazioni: parrocchie, gruppi, associazioni, uffici. Inauguriamo cioè “una narrazione umana che ci parli di noi e del bello che ci abita”, che racconti il nostro essere parte di un tessuto vivo, “che riveli l’intreccio dei fili coi quali siamo collegati gli uni agli altri”. Storie, quindi, della nostra fatica pastorale, della nostra generosità, del nostro senso ecclesiale e del nostro ministero, dei nostri carismi e della nostra inventiva, per raccontare il Vangelo di Gesù oggi, agli uomini ed alle donne del nostro tempo, ai ragazzi ed ai giovani, alle nostre città, quartieri, parrocchie. L’inventiva formativa, sempre feconda, ora rituale ora innovativa, ma sempre centrata sulla gioia di raccontare “quello che abbiamo visto e udito”.
“Ciascuno di noi conosce diverse storie che profumano di Vangelo - scrive il Papa nel Messaggio citato - che hanno testimoniato l’Amore che trasforma la vita. Queste storie reclamano di essere condivise, raccontate, fatte vivere in ogni tempo, con ogni linguaggio, con ogni mezzo”.
Ed abbiamo l’ardire, proprio perché utilizziamo un mezzo social, narrare come Chiesa diocesana, storie che vorremmo fossero sempre buone, edificanti e significative per contribuire ad edificare la città dell’uomo (e di tutti gli uomini), la Gerusalemme Celeste a cui ogni uomo tende nella quale ritrovare la vita buona per tutti; “non esistono storie umane insignificanti o piccole. Dopo che Dio si è fatto storia, ogni storia umana è, in un certo senso, storia divina”
Dott. Emanuele Occhipinti - Direttore Ufficio Comunicazioni Sociali

#ufficiocomunicazionisociali 
#vitapastoralein60secondi
#chiesainuscita 
#comunità 
#parrocchie 
#movimenti 
#associazioni
  • 54esima GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

#papafrancesco #giornatadellecomunicazionisociali #messaggiodelpapa 
#chiesa 
#parole #paroledelpapa 
@pontifex_ita
  • Disponibile online e in tutte le parrocchie della Diocesi di Ragusa il nuovo numero di Insieme dedicato a "La città dell'uomo", che per essere costruita richiede un impegno costante, non solo a chi la governa, ma prima di tutto ai suoi cittadini
•
•
#diocesidiragusa #insieme #nuovonumero  #città #cittadinanza

Seguimi!