La Caritas diocesana affronta l’emergenza Aumentano le problematiche e i bisogni primari «Il nostro territorio si conferma bello e solidale» Un conto corrente per contribuire ai tanti servizi offerti

///La Caritas diocesana affronta l’emergenza Aumentano le problematiche e i bisogni primari «Il nostro territorio si conferma bello e solidale» Un conto corrente per contribuire ai tanti servizi offerti

L’emergenza legata alla diffusione del COVID-19 oltre che sanitaria, sta diventando sempre più sociale. Colpisce soprattutto chi già viveva condizioni di difficoltà o di fragilità, creando nuove situazioni di povertà. Accanto al lavoro encomiabile di medici e infermieri, le Caritas diocesane, grazie all’inesausto impegno dei propri operatori, non cessano di garantire i propri servizi rimodulandoli alla situazione contingente, operando in condizioni via via più difficili sempre con le opportune precauzioni (distanze di sicurezza, disinfettanti, ingressi contingentati, ecc).

In questi giorni stiamo affrontando problematiche nuove che riguardano persone che fino a pochi giorni fa lavoravano in maniera precaria presso privati o pubblici esercizi e che oggi sono particolarmente colpite dalla sospensione delle attività, rimanendo senza un reddito. A causa di questo blocco registriamo un aumento dei bisogni primari, soprattutto per coloro che non hanno possibilità di lavoro continuative. L’emergenza, quindi, per queste famiglie non sarà momentanea, ma continuerà nel prossimo periodo col rischio di lasciare centinaia di persone indietro.

La nostra Caritas sostiene ogni anno circa 3.500 persone attraverso i centri di ascolto, mentre il Ristoro di San Francesco distribuisce una media di 100 pasti ad ogni apertura. Il Progetto Presidio  testimonia l’attenzione della diocesi per i lavoratori agricoli sfruttati, mentre i servizi dedicati all’abitare danno la sicurezza di una casa a circa 50 persone con disagio abitativo o addirittura senza dimora. Ancora sul versante dell’accoglienza, la Casa per donne sole “Io sono con te” di Comiso ha attualmente 8 ospiti tra donne e bambini. Facciamo tutto questo esclusivamente con fondi provenienti dall’otto per mille della diocesi o di Caritas italiana.

In questi giorni abbiamo dovuto sospendere qualche servizio, ma abbiamo contestualmente provveduto ad attivare lì dove possibile servizi domiciliari per la distribuzione di buoni spesa ed è a disposizione di tutti una linea telefonica (0932/646424), una mail (info@caritasragusa.it) e la pagina Facebook Caritas diocesana di Ragusa per rispondere alle emergenze. Abbiamo continuato a dare supporto alle persone senza dimora impossibilitate a seguire le direttive del Governo sull’isolamento e accogliendo alcune di esse presso i nostri alloggi e fornendo ad alcuni di esse il cellulare che consente di mantenere dei collegamenti a distanza o di segnalare eventuali complicazioni sanitarie.

Garantiamo gli accompagnamenti medici e per fare la spesa dei più fragili. Aiutiamo le famiglie con bambini in età scolare nella stampa dei compiti da fare a casa, fornendo pc o tablet là dove ne fossero sprovvisti o non adeguati per la didattica a distanza, garantendo le connessioni internet o wi fi.

Molte persone telefonano ai nostri uffici per segnalare le situazioni di questo o quel povero di cui non possono più prendersi cura direttamente. Il nostro territorio si sta confermando bello e solidale, unito anche se fisicamente distante.

In questa occasione, per far fronte a questa emergenza, che vede ancora una volta esposte le persone più fragili, la nostra diocesi rinnova l’appello a tutti alla solidarietà concreta invitando a sostenere  le iniziative e gli interventi mirati della Caritas locale in favore delle persone in difficoltà e in condizioni sempre più precarie.

Accogliamo anche la disponibilità e generosità di tante persone nel voler fornire vestiti, derrate alimentari, farmaci ma in considerazione della situazione non ci è possibile effettuare alcun tipo di raccolta e ritiro. È opportuno, anzi, come detto in altre occasioni, non lasciare alcun sacchetto nei pressi delle strutture caritative.

È possibile donare attraverso il conto corrente intestato a Diocesi di Ragusa Caritas IBAN: IT45Y0521617001000005801675 Banca Credito Valtellinese S.p.A. Sede di Ragusa (Via Archimede) causale: contributo EMERGENZA COVID-19

2020-03-23T10:40:34+02:00 19 Marzo 2020|

New Courses

Contact Info

1600 Amphitheatre Parkway New York WC1 1BA

Telefono: 1.800.458.556 / 1.800.532.2112

Fax: 458 761-9562

Web: ThemeFusion

Articoli recenti

Instagram

  • Perché avete paura?
Non avete ancora fede?

#igersvaticano 
#igersroma 
#piazzasanpietro 
#preghiera 
#indulgenzaplenaria 
#urbietorbi 
#papafrancesco 
#santissimosacramento 
@pontifex_ita 
@vaticannews 
@vaticanolasantasede 
@papa.francesco_twitter
  • «Padre nostro che sei nei cieli sia santificato il Tuo nome venga il Tuo Regno sia fatta la Tua volontà come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori e non abbandonarci alla tentazione ma liberaci dal male Amen»

#padrenostro 
#preghiera 
#diocesidiragusa 
#tuttiinsieme 
#andràtuttobene 
#diopadre
  • ANDRÀ TUTTO BENE

#andràtuttobene 
#diocesidiragusa 
#diofradinoi 
#tuttiinsieme 
#preghiera
  • ANDRÀ TUTTO BENE con l'aiuto di Dio

#andràtuttobene 
#vescovodiragusa 
#vescovo 
#siamopositivi 
#iorestoacasa 
#noistiamoacasa 
#diofradinoi 
#aiutodivino
  • È disponibile on line il nuovo numero di Insieme
  • "L'attenzione e la carità che rivolgiamo al malato ha il potere di tradursi nella carezza di Dio"

#giornatadelmalato #diocesidiragusa #carmelocuttitta #lourdes
  • ⭕ VITA PASTORALE IN 60 SECONDI “Con lo sguardo del Narratore – l’unico che ha il punto di vista finale – ci avviciniamo ai protagonisti, ai nostri fratelli e sorelle, attori accanto a noi della storia di oggi” (Messaggio del Papa per la 54ª Giornata mondiale delle comunicazioni sociali). Inauguriamo su questa pagina social una rubrica che racconta in 60 secondi le esperienze pastorali ordinarie e qualche volta straordinarie della Chiesa diocesana nelle sue diverse articolazioni: parrocchie, gruppi, associazioni, uffici. Inauguriamo cioè “una narrazione umana che ci parli di noi e del bello che ci abita”, che racconti il nostro essere parte di un tessuto vivo, “che riveli l’intreccio dei fili coi quali siamo collegati gli uni agli altri”. Storie, quindi, della nostra fatica pastorale, della nostra generosità, del nostro senso ecclesiale e del nostro ministero, dei nostri carismi e della nostra inventiva, per raccontare il Vangelo di Gesù oggi, agli uomini ed alle donne del nostro tempo, ai ragazzi ed ai giovani, alle nostre città, quartieri, parrocchie. L’inventiva formativa, sempre feconda, ora rituale ora innovativa, ma sempre centrata sulla gioia di raccontare “quello che abbiamo visto e udito”.
“Ciascuno di noi conosce diverse storie che profumano di Vangelo - scrive il Papa nel Messaggio citato - che hanno testimoniato l’Amore che trasforma la vita. Queste storie reclamano di essere condivise, raccontate, fatte vivere in ogni tempo, con ogni linguaggio, con ogni mezzo”.
Ed abbiamo l’ardire, proprio perché utilizziamo un mezzo social, narrare come Chiesa diocesana, storie che vorremmo fossero sempre buone, edificanti e significative per contribuire ad edificare la città dell’uomo (e di tutti gli uomini), la Gerusalemme Celeste a cui ogni uomo tende nella quale ritrovare la vita buona per tutti; “non esistono storie umane insignificanti o piccole. Dopo che Dio si è fatto storia, ogni storia umana è, in un certo senso, storia divina”
Dott. Emanuele Occhipinti - Direttore Ufficio Comunicazioni Sociali

#ufficiocomunicazionisociali 
#vitapastoralein60secondi
#chiesainuscita 
#comunità 
#parrocchie 
#movimenti 
#associazioni
  • 54esima GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

#papafrancesco #giornatadellecomunicazionisociali #messaggiodelpapa 
#chiesa 
#parole #paroledelpapa 
@pontifex_ita
  • Disponibile online e in tutte le parrocchie della Diocesi di Ragusa il nuovo numero di Insieme dedicato a "La città dell'uomo", che per essere costruita richiede un impegno costante, non solo a chi la governa, ma prima di tutto ai suoi cittadini
•
•
#diocesidiragusa #insieme #nuovonumero  #città #cittadinanza

Seguimi!