Essere medico, missione e/o professione? Processi di umanizzazione necessari

///Essere medico, missione e/o professione? Processi di umanizzazione necessari
Al via il primo di due seminari organizzati dalla Cattedra di Dialogo tra le culture in collaborazione con l’Ordine dei Medici.

La Cattedra di Dialogo tra le culture inaugura un ciclo di due seminari organizzati in collaborazione con l’Ordine dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Ragusa con l’obiettivo di invitare la cittadinanza a riflettere sui temi relativi alla “cura”. La cura costituisce l’attitudine propria di chi assume – professionalmente, per un vincolo affettivo o per altri motivi – il compito di accudire una persona particolarmente vulnerabile, sia essa un minore, un malato, un anziano, un disabile. La vulnerabilità particolarmente evidente in essi, può tuttavia manifestarsi in ogni essere umano e in ogni epoca della vita. È  tale vulnerabilità portata dall’altro a suscitare l’attitudine della cura.

Sulla scia di un dibattito apertosi in ambito filosofico nella seconda metà del Novecento, si inserisce l’intervento “Essere medico: missione e/o professione? Processi di umanizzazione necessari” del prof. p. Biagio Aprile, direttore della Cattedra, dedicato ai professionisti dell’Ordine ed aperto a quanti intendano prendere maggiore consapevolezza della responsabilità integrale insita nel “prendersi cura”. L’appuntamento è fissato per venerdì 3 maggio, ore 15.30, presso la sede dell’Ordine dei Medici (Via G. Nicastro 50, Ragusa).

Il prof. Aprile traccerà un percorso di “umanizzazione”, fornendo delle coordinate generali di orientamento in un tempo in cui i notevoli traguardi raggiunti dalla scienza e dalla tecnologia sembrano spesso andare a detrimento del “fattore umano” coinvolto nel processo di cura. Partendo dalla distinzione e dall’intima relazione tra sapere, saper fare e saper essere, il docente affonderà il discorso sulla distinzione tra “individuo” e “persona”, con chiaro riferimento al personalismo di matrice cristiana, attuale ancora oggi nell’offrire una visione integrale della singolarità di ogni essere umano a fronte dei rischi di annichilimento della società di massa. Sarà successivamente necessario indagare i significati insiti nella parola “vita”, oltrepassando i riduzionismi tipici del pensiero “post moderno” e “post-umano”; il contributo della sapienza greca sarà qui molto prezioso. L’attenzione verrà pertanto posta su un concetto di “salute” più idoneo ad esprimere la fragilità intrinseca dell’essere umano, senza ricorrere agli usi ideologici quanto mai ricorrenti a fini di mercato. Tutto confluirà nel passaggio da una visione in cui il paziente tende ad essere visto come “oggetto” della cura, ad una più autentica concezione del malato come “soggetto” in relazione con chi è chiamato a prendersene cura, sotto diversi aspetti, nella consapevolezza che non è concepibile un’efficace azione di cura senza un serio prendersi cura di sé. Oltre le proprie competenze professionali, in conclusione, il medico non può non tenere conto di altre dimensioni coinvolte nel processo di cura, ben descritte da un’antropologia personalista, alla luce della quale troverà anche nella spiritualità una strada ineludibile per vivere con maggiore pienezza il proprio mestiere.

L’itinerario dei seminari si aggancia idealmente all’altro percorso formativo dedicato quest’anno dalla Cattedra ai professionisti dell’Ordine forense, sul tema della tutela dei soggetti deboli. È convinzione degli organizzatori che solo la promozione dell’unità del sapere, l’attenzione al bagaglio sapienziale delle diverse culture, una metodologia  inter e trans-disciplinare, in cui i diversi saperi dialoghino in vista di un “bene comune” da raggiungere, possano assolvere ai grandi e complessi compiti sollevati dal tempo presente.

Prossimo seminario: (in collaborazione con la Comunità Religiosa Islamica Italiana – Co.Re.Is.) Venerdì 7 giugno, ore 15.30 – Sede dell’Ordine dei Medici (Via G. Nicastro 50, Ragusa)

Principi di Bioetica nelle religioni monoteiste Cristianesimo, Islam e l’etica della cura. Prof. Giuseppe Di Mauro (Cattedra “Dialogo tra le culture” – Ragusa), dott.ssa Ilham Allah Ferrero (Comunità Religiosa Islamica Italiana)

L’ingresso è libero e aperto a tutti.

2019-05-09T10:08:40+02:00 1 Maggio 2019|

New Courses

Contact Info

1600 Amphitheatre Parkway New York WC1 1BA

Telefono: 1.800.458.556 / 1.800.532.2112

Fax: 458 761-9562

Web: ThemeFusion

Articoli recenti

Instagram

  • Perché avete paura?
Non avete ancora fede?

#igersvaticano 
#igersroma 
#piazzasanpietro 
#preghiera 
#indulgenzaplenaria 
#urbietorbi 
#papafrancesco 
#santissimosacramento 
@pontifex_ita 
@vaticannews 
@vaticanolasantasede 
@papa.francesco_twitter
  • «Padre nostro che sei nei cieli sia santificato il Tuo nome venga il Tuo Regno sia fatta la Tua volontà come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori e non abbandonarci alla tentazione ma liberaci dal male Amen»

#padrenostro 
#preghiera 
#diocesidiragusa 
#tuttiinsieme 
#andràtuttobene 
#diopadre
  • ANDRÀ TUTTO BENE

#andràtuttobene 
#diocesidiragusa 
#diofradinoi 
#tuttiinsieme 
#preghiera
  • ANDRÀ TUTTO BENE con l'aiuto di Dio

#andràtuttobene 
#vescovodiragusa 
#vescovo 
#siamopositivi 
#iorestoacasa 
#noistiamoacasa 
#diofradinoi 
#aiutodivino
  • È disponibile on line il nuovo numero di Insieme
  • "L'attenzione e la carità che rivolgiamo al malato ha il potere di tradursi nella carezza di Dio"

#giornatadelmalato #diocesidiragusa #carmelocuttitta #lourdes
  • ⭕ VITA PASTORALE IN 60 SECONDI “Con lo sguardo del Narratore – l’unico che ha il punto di vista finale – ci avviciniamo ai protagonisti, ai nostri fratelli e sorelle, attori accanto a noi della storia di oggi” (Messaggio del Papa per la 54ª Giornata mondiale delle comunicazioni sociali). Inauguriamo su questa pagina social una rubrica che racconta in 60 secondi le esperienze pastorali ordinarie e qualche volta straordinarie della Chiesa diocesana nelle sue diverse articolazioni: parrocchie, gruppi, associazioni, uffici. Inauguriamo cioè “una narrazione umana che ci parli di noi e del bello che ci abita”, che racconti il nostro essere parte di un tessuto vivo, “che riveli l’intreccio dei fili coi quali siamo collegati gli uni agli altri”. Storie, quindi, della nostra fatica pastorale, della nostra generosità, del nostro senso ecclesiale e del nostro ministero, dei nostri carismi e della nostra inventiva, per raccontare il Vangelo di Gesù oggi, agli uomini ed alle donne del nostro tempo, ai ragazzi ed ai giovani, alle nostre città, quartieri, parrocchie. L’inventiva formativa, sempre feconda, ora rituale ora innovativa, ma sempre centrata sulla gioia di raccontare “quello che abbiamo visto e udito”.
“Ciascuno di noi conosce diverse storie che profumano di Vangelo - scrive il Papa nel Messaggio citato - che hanno testimoniato l’Amore che trasforma la vita. Queste storie reclamano di essere condivise, raccontate, fatte vivere in ogni tempo, con ogni linguaggio, con ogni mezzo”.
Ed abbiamo l’ardire, proprio perché utilizziamo un mezzo social, narrare come Chiesa diocesana, storie che vorremmo fossero sempre buone, edificanti e significative per contribuire ad edificare la città dell’uomo (e di tutti gli uomini), la Gerusalemme Celeste a cui ogni uomo tende nella quale ritrovare la vita buona per tutti; “non esistono storie umane insignificanti o piccole. Dopo che Dio si è fatto storia, ogni storia umana è, in un certo senso, storia divina”
Dott. Emanuele Occhipinti - Direttore Ufficio Comunicazioni Sociali

#ufficiocomunicazionisociali 
#vitapastoralein60secondi
#chiesainuscita 
#comunità 
#parrocchie 
#movimenti 
#associazioni
  • 54esima GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

#papafrancesco #giornatadellecomunicazionisociali #messaggiodelpapa 
#chiesa 
#parole #paroledelpapa 
@pontifex_ita
  • Disponibile online e in tutte le parrocchie della Diocesi di Ragusa il nuovo numero di Insieme dedicato a "La città dell'uomo", che per essere costruita richiede un impegno costante, non solo a chi la governa, ma prima di tutto ai suoi cittadini
•
•
#diocesidiragusa #insieme #nuovonumero  #città #cittadinanza

Seguimi!