Decreto del vescovo di Ragusa monsignor Carmelo Cuttitta

///Decreto del vescovo di Ragusa monsignor Carmelo Cuttitta

Sospese sino al 15 marzo catechesi e attività pastorali e caritative. Annullate sino al 3 aprile processioni e manifestazioni esterne. «Agire con buon senso e prudente discernimento»

Il vescovo di Ragusa, con un proprio decreto, ha emanato alcune disposizioni che hanno come obiettivo contrastare l’insorgenza e la diffusione del CoVid-19 (meglio conosciuto come “CoronaVirus”), tenendo conto del decreto del Governo e delle indicazioni emanate dalle autorità locali.

La catechesi e le attività parrocchiali sono sospese sino al 15 marzo. Le processioni e le manifestazioni religiose esterne legate alla devozione popolare sono annullate sino al 3 aprile. Le sante messe si potranno celebrare regolarmente, così come le altre celebrazioni in chiesa, tenendo conto di una serie di accorgimenti. Tra questi viene suggerito espressamente di evitare, al termine della celebrazione delle esequie, momenti di cordoglio pubblici. Per quanto riguarda le Vie Crucis quaresimali, si potranno tenere, rispettando alcune norme specifiche, quelle previste all’interno delle chiese, mentre sono annullate quelle esterne. In generale, il vescovo invita tutti ad agire «con buon senso e prudente discernimento».

Nel dettaglio, le Sante Messe, feriali e festive si potranno celebrare regolarmente, cercando il più possibile di evitare assembramenti di persone al termine delle celebrazioni; di evitare contatti fisici e mantenere la distanza minima suggerita. Rimangono invariate le indicazioni liturgiche dalla Conferenza Episcopale Siciliana (Comunione nella mano, omissione dello scambio di pace, acquasantiere vuote).

Le altre celebrazioni in chiesa (Sacramenti, Adorazione eucaristica, Santo Rosario, Novene, Via Crucis) possono essere celebrate, curando che vengano rispettate le seguenti norme: evitare contatti fisici e mantenere la distanza minima suggerita; per le Esequie si evitino momenti di cordoglio pubblici al termine delle celebrazioni; fuori dagli orari delle celebrazioni, i luoghi di culto potranno rimanere aperti per la preghiera.

La catechesi e le attività pastorali e caritative parrocchiali, nonché le attività di gruppi, associazioni, movimenti e oratori sono sospese fino al 15 marzo p.v. compreso; le attività e gli incontri formativi diocesani e vicariali sono sospesi fino al 15 marzo p.v. compreso. Il vescovo invita i parroci invitino a osservare l’«espressa raccomandazione a tutte le persone anziane o affette da patologie croniche di evitare di uscire dalla propria abitazione o dimora fuori dai casi di stretta necessità e di evitare comunque luoghi affollati»; invita i parroci anche a valutare «prudentemente circa l’opportunità delle visite ai malati da parte dei ministri straordinari della comunione eucaristica». Gli uffici della Curia Vescovile e delle Parrocchie rimarranno aperti al pubblico.

Le processioni (Feste e Via Crucis) e le manifestazioni religiose esterne legate alla devozione popolare, sono annullate fino al prossimo 03 aprile.

Il vescovo, monsignor Carmelo Cuttitta ha emanato il decreto «condividendo la speranza che quanto prima tutti quanti possiamo ritornare ad una serena normalità e consapevole del dovere che la comunità cristiana ha di dare un contributo significativo alla prevenzione e al contrasto del CoVid-19». «L’attuale contingenza, del tutto nuova e imprevedibile, richiede che tutta la comunità cristiana – a partire dai pastori – sappia agire con buon senso e prudente discernimento, consapevole che il provvisorio mutamento delle abitudini, accolto e vissuto con docilità, è in ogni caso proteso verso il bene comune di tutto il nostro popolo, valorizzando questa situazione nell’ambito del percorso quaresimale. Affido – conclude il vescovo – questo delicato momento della vita della Diocesi alla materna cura della Beata Vergine Maria».

 

Si allega il decreto del vescovo.

Allegati

129 20u_DecretoCoVid19
2020-03-06T11:24:25+02:00 6 Marzo 2020|

New Courses

Contact Info

1600 Amphitheatre Parkway New York WC1 1BA

Telefono: 1.800.458.556 / 1.800.532.2112

Fax: 458 761-9562

Web: ThemeFusion

Articoli recenti

Instagram

  • Perché avete paura?
Non avete ancora fede?

#igersvaticano 
#igersroma 
#piazzasanpietro 
#preghiera 
#indulgenzaplenaria 
#urbietorbi 
#papafrancesco 
#santissimosacramento 
@pontifex_ita 
@vaticannews 
@vaticanolasantasede 
@papa.francesco_twitter
  • «Padre nostro che sei nei cieli sia santificato il Tuo nome venga il Tuo Regno sia fatta la Tua volontà come in cielo così in terra. Dacci oggi il nostro pane quotidiano rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori e non abbandonarci alla tentazione ma liberaci dal male Amen»

#padrenostro 
#preghiera 
#diocesidiragusa 
#tuttiinsieme 
#andràtuttobene 
#diopadre
  • ANDRÀ TUTTO BENE

#andràtuttobene 
#diocesidiragusa 
#diofradinoi 
#tuttiinsieme 
#preghiera
  • ANDRÀ TUTTO BENE con l'aiuto di Dio

#andràtuttobene 
#vescovodiragusa 
#vescovo 
#siamopositivi 
#iorestoacasa 
#noistiamoacasa 
#diofradinoi 
#aiutodivino
  • È disponibile on line il nuovo numero di Insieme
  • "L'attenzione e la carità che rivolgiamo al malato ha il potere di tradursi nella carezza di Dio"

#giornatadelmalato #diocesidiragusa #carmelocuttitta #lourdes
  • ⭕ VITA PASTORALE IN 60 SECONDI “Con lo sguardo del Narratore – l’unico che ha il punto di vista finale – ci avviciniamo ai protagonisti, ai nostri fratelli e sorelle, attori accanto a noi della storia di oggi” (Messaggio del Papa per la 54ª Giornata mondiale delle comunicazioni sociali). Inauguriamo su questa pagina social una rubrica che racconta in 60 secondi le esperienze pastorali ordinarie e qualche volta straordinarie della Chiesa diocesana nelle sue diverse articolazioni: parrocchie, gruppi, associazioni, uffici. Inauguriamo cioè “una narrazione umana che ci parli di noi e del bello che ci abita”, che racconti il nostro essere parte di un tessuto vivo, “che riveli l’intreccio dei fili coi quali siamo collegati gli uni agli altri”. Storie, quindi, della nostra fatica pastorale, della nostra generosità, del nostro senso ecclesiale e del nostro ministero, dei nostri carismi e della nostra inventiva, per raccontare il Vangelo di Gesù oggi, agli uomini ed alle donne del nostro tempo, ai ragazzi ed ai giovani, alle nostre città, quartieri, parrocchie. L’inventiva formativa, sempre feconda, ora rituale ora innovativa, ma sempre centrata sulla gioia di raccontare “quello che abbiamo visto e udito”.
“Ciascuno di noi conosce diverse storie che profumano di Vangelo - scrive il Papa nel Messaggio citato - che hanno testimoniato l’Amore che trasforma la vita. Queste storie reclamano di essere condivise, raccontate, fatte vivere in ogni tempo, con ogni linguaggio, con ogni mezzo”.
Ed abbiamo l’ardire, proprio perché utilizziamo un mezzo social, narrare come Chiesa diocesana, storie che vorremmo fossero sempre buone, edificanti e significative per contribuire ad edificare la città dell’uomo (e di tutti gli uomini), la Gerusalemme Celeste a cui ogni uomo tende nella quale ritrovare la vita buona per tutti; “non esistono storie umane insignificanti o piccole. Dopo che Dio si è fatto storia, ogni storia umana è, in un certo senso, storia divina”
Dott. Emanuele Occhipinti - Direttore Ufficio Comunicazioni Sociali

#ufficiocomunicazionisociali 
#vitapastoralein60secondi
#chiesainuscita 
#comunità 
#parrocchie 
#movimenti 
#associazioni
  • 54esima GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

#papafrancesco #giornatadellecomunicazionisociali #messaggiodelpapa 
#chiesa 
#parole #paroledelpapa 
@pontifex_ita
  • Disponibile online e in tutte le parrocchie della Diocesi di Ragusa il nuovo numero di Insieme dedicato a "La città dell'uomo", che per essere costruita richiede un impegno costante, non solo a chi la governa, ma prima di tutto ai suoi cittadini
•
•
#diocesidiragusa #insieme #nuovonumero  #città #cittadinanza

Seguimi!