Congregazione del Sacro Cuore in festa per la professione solenne di otto suore

La Congregazione del Sacro Cuore è in festa per la professione solenne di otto suore. Nell’anniversario della fondazione dell’Istituto delle suore del Sacro Cuore di Gesù e nella città della Beata Maria Schininà, dove tutto iniziò nel lontano 1889, hanno pronunciato i loro voti perpetui, alla presenza del vescovo monsignor Giuseppe La Placa e nelle mani della madre generale suor Ester Mazzara, suor Emilienne, suor Victoire, suor Viviane, suor Omega, suor Claudine, suor Julienne, suor Monica e suor Joy. Altre 21 suore hanno rinnovato la loro professione semplice. La cattedrale di San Giovanni Battista è stata la cornice del solenne pontificale del vescovo in un giorno nel quale, in ogni parte del mondo dove è presente l’opera iniziata dalla beata Maria Schininà, si celebra la Rinnovazione del sì delle suore del Sacro Cuore. Gioia è stata la parola chiave utilizzata dal vescovo nel corso della sua omelia. «Gli uomini e le donne del nostro tempo vi chiedono: la profezia della gioia. La gioia – ha detto – è uno degli aspetti fondamentali della profezia che la vita consacrata è chiamata a offrire al mondo. Ed è proprio questa la consegna che il Signore oggi vi mette nel cuore nel giorno della vostra solenne professione religiosa: la testimonianza profetica della gioia, non come una semplice possibilità, ma come una vera e propria responsabilità verso coloro che, guardando voi, hanno il diritto di sapere che Dio è capace di colmare il loro cuore e dare pienezza di senso alla loro vita, senza bisogno di andare a cercare altrove la propria felicità».