Chiamata alle Arti – Aiutaci a realizzare una mascherina con il cuore

///Chiamata alle Arti – Aiutaci a realizzare una mascherina con il cuore

DA RAGUSA PARTE UNA “CHIAMATA ALLE ARTI”

PER REALIZZARE A CASA MASCHERINE IN TNT DA DISTRIBUIRE AI CENTRI DI ASSISTENZA, AGLI ISTITUTI PER ANZIANI E ALLE FORZE DELL’ORDINE. I CLOWN DOTTORI DI “CI RIDIAMO SU” LANCIANO LA PROPOSTA GRAZIE AL SUPPORTO DI ALCUNI SPONSOR E ALLA COLLABORAZIONE CON L’UFFICIO DIOCESANO PER LA PASTORALE DELLA SALUTE.

Una straordinaria “Chiamata alle Arti” per realizzare le mascherine con il cuore. I clown dottori dell’associazione “Ci ridiamo sù”, grazie al pieno supporto e sostegno di vari sponsor, lanciano una speciale “chiamata” per coinvolgere i semplici cittadini direttamente da casa nella produzione di mascherine in Tnt da donare ai centri di assistenza per adulti e bambini e agli istituti di riposo per anziani. E sono già tanti i ragusani che hanno risposto presente alla “chiamata” appena lanciata sui social e sono già all’opera per cucire le mascherine ricavandole dal tessuto che permette la giusta protezione. Rispolverare vecchie abilità manuali nel cucito o, perché no, mettersi in gioco con un nuovo hobby: i clown dottori si rivolgono proprio a tutti per dare una mano a chi ha bisogno, sfruttando al meglio il tanto tempo che si ha a disposizione in questo momento.
Un modo per rafforzare il senso di comunità, per riscoprirsi vicini seppur a distanza e per rinnovarsi attraverso un gesto di aiuto reciproco che possa diventare nuovo stimolo per ognuno di noi: “Chiamata alle Arti” viaggia sui binari della solidarietà per unire i cuori di tutti in un progetto comune. L’iniziativa, che si avvale della donazione del gruppo Centro Revisioni e Officine Avir assieme a Gemini service è stata lanciata ancora da pochi giorni attraverso messaggi privati, ma ha già ottenuto diverse adesioni.
Adesso il lancio pubblico, con la pagina social, per coinvolgere l’intera cittadinanza per farsi parte attiva https://www.facebook.com/chiamatalleartiragusa
“E’ un progetto di comunità in emergenza – spiega Fabio Ferrito, presidente di Ci Ridiamo Sù e componente della Consulta dell’Ufficio Pastorale della Salute – Parte dall’idea che possa far sentire utile chiunque si intenda di cucito, compresi i nostri nonni, le nostre mamma e i papà, nel realizzare mascherine da donare alle case di cura, centri di assistenza per adulti e bambini e alle forze dell’ordine. E’ la città si fa comunità per superare la preoccupazione, la solitudine e per sentirci calorosamente partecipi, in un momento in cui dobbiamo restare a casa. Ma già da casa possiamo renderci parte attiva. Diventare protagonisti può aiutare a rinnovarci e a dare un nuovo stimolo a ciascuno di noi”.
Tra i promotori anche Sergio Firrincieli mentre a donare il proprio lavoro per la grafica è stata la Lta grafica e servizi di Luca Tumino. In campo anche Mara Gelmini per la consulenza sartoriale.
“Dal confronto con Ci Ridiamo Sù è nata l’idea di realizzare le mascherine – spiega Firrincieli – Da rappresentante della comunità ho ricevuto la disponibilità di cittadini e associazioni a volersi far qualcosa. Del resto anche io sono figlio di una mamma ormai settantacinquenne che oggi, come tante altre mamme e nonne, perno di ogni famiglia, si ritrova a dovere vivere un’inedita condizione di solitudine imposta dalle restrizioni per l’emergenza sanitaria. Con questo progetto faremo sentire utili i nostri nonni, le nostre mamme e chiunque si intenda di sartoria dando loro la possibilità di tenersi impegnati nella produzione di mascherine i cui costi per le materie prime sono sostenuti dagli sponsor”.
Partecipare è semplice: basta chiamare uno dei numeri messi a disposizione dall’associazione e pubblicati sui canali social, per ricevere a casa tutto l’occorrente (tessuto sterilizzato ed elastici) per realizzare le mascherine (quantitativo minimo richiesto di produzione: 30 mascherine, serve avere la macchina da cucire).
In accompagnamento al materiale un cartamodello con le istruzioni da seguire, disponibili anche su video tutorial sul canale youtube Lamarasarta (https://youtu.be/QElkImI_YOQ)e anche una lettera con le indicazioni per il ritiro e uno spazio da compilare, se si vuole, dedicando un messaggio a chi riceverà la mascherina.
Chi vuole potrà scattare qualche foto al proprio lavoro completato o in fase di compimento. Una volta completate, le mascherine saranno ritirate direttamente dai volontari “Ci ridiamo sù”, nuovamente sterilizzate e distribuite alle case di cura e ai centri di assistenza precedentemente individuati.
L’iniziativa è svolta in collaborazione con la Diocesi di Ragusa – Ufficio per la Pastorale della Salute e da subito ha trovato l’adesione di diversi partner: Consorzio Revisioni Avir, Officine Avir, Gemini Service Srl, @Centro Copigrafico Eliosprint, Legnami Guastella Srl, Decor Iblea, 2G Ricami, Gistel Plast Srl, Creative Gadget by Iblea Oggetti, Luca Tumino art’s e MediaLive

In questa fase, è essenziale utilizzare i metodi più corretti per la realizzazione delle mascherine, abbiamo ritenuto…

Pubblicato da Chiamata alle Arti Ragusa su Mercoledì 15 aprile 2020

Don Giorgio Occhipinti

Allegati

WhatsApp Image 2020-04-14 at 17.12.34
2020-04-16T10:03:03+02:00 15 Aprile 2020|

New Courses

Contact Info

1600 Amphitheatre Parkway New York WC1 1BA

Telefono: 1.800.458.556 / 1.800.532.2112

Fax: 458 761-9562

Web: ThemeFusion

Articoli recenti

Instagram

La risposta da Instagram ha restituito dati non validi.

Seguimi!