L’eredità del Giubileo Straordinario

///L’eredità del Giubileo Straordinario

La conclusione del Giubileo Straordinario non vuol dire che la Chiesa smetterà di predicare la misericordia del Padre raccontata da Gesù nel Vangelo. La scommessa del Giubileo, senza alcun dubbio, è quella di continuare ad essere presente nei cuori dei cristiani. Questo il messaggio che il vescovo, monsignor Carmelo Cuttitta, ha voluto lanciare chiudendo la Porta Santa della cattedrale di San Giovanni Battista.

La chiusura dell’anno giubilare sarà celebrata dal Santo Padre in Vaticano domenica 20 novembre, giorno della solennità di Cristo Re dell’Universo. Invece, in tutte le altre chiese, le celebrazioni per la chiusura delle “Porte Sante”, sono avvenute sabato 12 novembre. La Diocesi di Ragusa ha glorificato la conclusione del Giubileo con la celebrazione eucaristica per la chiusura della “Porta Santa” della cattedrale di San Giovanni Battista.

La santa messa è stata presieduta dal vescovo, monsignor Carmelo Cuttitta, il quale, durante la sua appassionante omelia, ha detto: «Dio ci ama con i nostri pregi e i nostri limiti, ci ama di un amore eterno, ci ama infinitamente; ci ha talmente amati da riversare su di noi il suo spirito, dandoci la possibilità della chiamata alla santità».

Il filo conduttore è stato l’invito a liberarci dall’abitudine di condannare il prossimo e saper, invece, ascoltare con attenzione e cura la storia di ciascuno, sospendendo il giudizio atrofizzante e offrendo con amore il perdono del Padre. Il vescovo ha voluto sottolineare più volte il fatto che la misericordia si deve estendere ed elargire a tutti i fratelli, nessuno escluso! «La misericordia rende il mondo meno freddo e più giusto!», ha sottolineato con enfasi.

Continuando il suo discorso, monsignor Cuttitta ha colto anche questa occasione per predicare la misericordia: «La misericordia – ha aggiunto – è Dio stesso! Di conseguenza, i misericordiosi sono beati perché vivranno avvolti nell’amore del Padre». E ancora: «Misericordia è la celebrazione di Dio nel cuore stesso della miseria umana; miseria che tocca tutti gli ultimi e tutti gli emarginati». Infatti, anche se ciascuno di noi sa che di fronte alla miseria siamo istintivamente pronti a fuggire, a voltare le spalle e ad essere indifferenti, tuttavia, il vescovo di Ragusa ha ricordato il fatto che «la miseria non riesce ad arginare la follia amante di Dio». Nonostante le nostre miserie, Dio rimane sempre ricco di bontà e di tenero amore misericordioso verso i suoi figli. L’esortazione del vescovo, dunque, è stata quella di «esprimere il meglio di noi stessi donando agli altri nuove possibilità per vivere una nuova vita. La misericordia è la passione di Dio per l’uomo, e la stessa passione viene chiesta a noi da Dio verso tutti gli uomini e tutte le donne».

Molto significativa è stata pure l’interpretazione di un passo offerto dalla liturgia della Parola: «Chi non vuol lavorare, neppure mangi» (2Ts 3,7-12). Monsignor Cuttitta, attualizzando il versetto dell’apostolo, ha affermato: «L’espressione può apparire provocatoria in tempi come i nostri, in cui molti non lavorano, e non per scelta. La disoccupazione è il più grave dei mali che travaglia il nostro Paese. Senza lavoro non c’è dignità. Senza lavoro, specie per i giovani, la società non ha futuro. Come può un giovane disoccupato programmare una vita normale, formarsi una famiglia e svolgere un lavoro che concorra al bene comune? Senza considerare che la mancanza di un lavoro rischia di indurre a comportamenti negativi. Questa piaga attraversa tutto l’Italia, da Nord a Sud». Con questo chiarimento, il vescovo ha voluto invitarci ad avere un atteggiamento meno rigido verso chi si trova a camminare in sentieri meno luminosi.

La città e la Diocesi di Ragusa hanno partecipato con grande entusiasmo a questo importante evento religioso. La cattedrale si è riempita di fedeli, e il vescovo ha mostrato la sua ammirazione sia per la presenza «inverosimile» del popolo di Dio, sia per la presenza preziosa di monsignor Giambattista Di Quattro e monsignor Carmelo Ferraro. La celebrazione si è conclusa con un caloroso applauso. È stata sicuramente una serata importante in cui innalzare un canto di lode al Padre e rendere grazie per i doni che ci ha elargito in questo Anno Santo Straordinario. Tutto ciò con la viva speranza che questo sia solo l’inizio di un cammino cristiano di carità e di umanizzazione.

di Luca Farruggio

2018-01-31T11:59:51+01:00 14 Novembre 2016|

New Courses

Contact Info

1600 Amphitheatre Parkway New York WC1 1BA

Telefono: 1.800.458.556 / 1.800.532.2112

Fax: 458 761-9562

Web: ThemeFusion

Articoli recenti

Instagram

  • È disponibile on line il nuovo numero di Insieme
  • "L'attenzione e la carità che rivolgiamo al malato ha il potere di tradursi nella carezza di Dio"

#giornatadelmalato #diocesidiragusa #carmelocuttitta #lourdes
  • ⭕ VITA PASTORALE IN 60 SECONDI “Con lo sguardo del Narratore – l’unico che ha il punto di vista finale – ci avviciniamo ai protagonisti, ai nostri fratelli e sorelle, attori accanto a noi della storia di oggi” (Messaggio del Papa per la 54ª Giornata mondiale delle comunicazioni sociali). Inauguriamo su questa pagina social una rubrica che racconta in 60 secondi le esperienze pastorali ordinarie e qualche volta straordinarie della Chiesa diocesana nelle sue diverse articolazioni: parrocchie, gruppi, associazioni, uffici. Inauguriamo cioè “una narrazione umana che ci parli di noi e del bello che ci abita”, che racconti il nostro essere parte di un tessuto vivo, “che riveli l’intreccio dei fili coi quali siamo collegati gli uni agli altri”. Storie, quindi, della nostra fatica pastorale, della nostra generosità, del nostro senso ecclesiale e del nostro ministero, dei nostri carismi e della nostra inventiva, per raccontare il Vangelo di Gesù oggi, agli uomini ed alle donne del nostro tempo, ai ragazzi ed ai giovani, alle nostre città, quartieri, parrocchie. L’inventiva formativa, sempre feconda, ora rituale ora innovativa, ma sempre centrata sulla gioia di raccontare “quello che abbiamo visto e udito”.
“Ciascuno di noi conosce diverse storie che profumano di Vangelo - scrive il Papa nel Messaggio citato - che hanno testimoniato l’Amore che trasforma la vita. Queste storie reclamano di essere condivise, raccontate, fatte vivere in ogni tempo, con ogni linguaggio, con ogni mezzo”.
Ed abbiamo l’ardire, proprio perché utilizziamo un mezzo social, narrare come Chiesa diocesana, storie che vorremmo fossero sempre buone, edificanti e significative per contribuire ad edificare la città dell’uomo (e di tutti gli uomini), la Gerusalemme Celeste a cui ogni uomo tende nella quale ritrovare la vita buona per tutti; “non esistono storie umane insignificanti o piccole. Dopo che Dio si è fatto storia, ogni storia umana è, in un certo senso, storia divina”
Dott. Emanuele Occhipinti - Direttore Ufficio Comunicazioni Sociali

#ufficiocomunicazionisociali 
#vitapastoralein60secondi
#chiesainuscita 
#comunità 
#parrocchie 
#movimenti 
#associazioni
  • 54esima GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

#papafrancesco #giornatadellecomunicazionisociali #messaggiodelpapa 
#chiesa 
#parole #paroledelpapa 
@pontifex_ita
  • Disponibile online e in tutte le parrocchie della Diocesi di Ragusa il nuovo numero di Insieme dedicato a "La città dell'uomo", che per essere costruita richiede un impegno costante, non solo a chi la governa, ma prima di tutto ai suoi cittadini
•
•
#diocesidiragusa #insieme #nuovonumero  #città #cittadinanza
  • Secondo incontro, della tre giorni del corso di formazione per Insegnanti di Religione  Cattolica: “La declinazione delle competenze di cittadinanza nel curriculum dell’IRC”, organizzato dall’Ufficio per l’Insegnamento della Religione Cattolica, presso il Salone Parrocchiale S. Pio X di Ragusa, alla presenza vescovo di Ragusa, monsignor Carmelo Cuttitta. 
Le parole di augurio del vescovo Cuttitta: “All’interno del percorso formativo e di crescita dei ragazzi, voi insegnanti di religione siete chiamati a portare una testimonianza di fede. Vi esorto ad esercitare il vostro servizio con la disponibilità e con la capacità di orientare ogni ragazzo verso la via del bene. Grazie per il vostro lavoro”
  • "Maranatha: Vieni Signore Gesù, chiediamo al Signore di venire in mezzo a noi, con un occhio di predilezione per le persone meno agiate"
Messaggio augurale del Vescovo Carmelo, per il Natale 2019
#diocesidiragusa #vescovocarmelocuttitta #natale2019
  • Aderire all’AC è dire a tutti che la Chiesa è tua, è tua madre, è la tua famiglia, è la tua casa, è il crocevia necessario per essere cristiani nel mondo.

#ac #azionecattolica #festadelladesione #gialloeazzurro #logo #associazione #diocesidiragusa #camminocristiano
  • Buon compleanno Santità

#papa #francesco #suasantitá #compleanno #auguri 
@vaticannews @ewtnvatican @acistampa @franciscus @laityfamilylife @pcpne

Seguimi!