XXVIII Giornata Mondiale del Malato

///XXVIII Giornata Mondiale del Malato

“Nella XXVIII Giornata Mondiale del Malato, Gesù rivolge l’invito agli ammalati e agli oppressi, ai poveri che sanno di dipendere interamente da Dio e che, feriti dal peso della prova, hanno bisogno di guarigione. Gesù Cristo, a chi vive l’angoscia per la propria situazione di fragilità, dolore e debolezza, non impone leggi, ma offre la sua misericordia, cioè la sua persona ristoratrice”. E’ questo il cuore del Messaggio che Papa Francesco ha preparato in occasione della XXVIII Giornata Mondiale del Malato, che come di consueto ricorre l’11 febbraio, memoria liturgica della Beata Vergine Maria di Lourdes.

Perché Gesù nutre questi sentimenti di misericordia? Il Papa lo spiega nel messaggio: “Perché Egli stesso si è fatto debole, sperimentando l’umana sofferenza e ricevendo a sua volta ristoro dal Padre. Infatti, solo chi fa, in prima persona, questa esperienza saprà essere di conforto per l’altro. Diverse sono le forme gravi di sofferenza: malattie inguaribili e croniche, patologie psichiche, quelle che necessitano di riabilitazione o di cure palliative, le varie disabilità, le malattie dell’infanzia e della vecchiaia. In queste circostanze si avverte a volte una carenza di umanità e risulta perciò necessario personalizzare l’approccio al malato, aggiungendo al curare il prendersi cura, per una guarigione umana integrale”.

Da qui il ruolo della Chiesa. “In questa condizione avete certamente bisogno di un luogo per ristorarvi – commenta Papa Francesco – La Chiesa vuole essere sempre più e sempre meglio la locanda del Buon Samaritano che è Cristo, cioè la casa dove potete trovare la sua grazia che si esprime nella familiarità, nell’accoglienza, nel sollievo. In questa casa potrete incontrare persone che, guarite dalla misericordia di Dio nella loro fragilità, sapranno aiutarvi a portare la croce facendo delle proprie ferite delle feritoie, attraverso le quali guardare l’orizzonte al di là della malattia e ricevere luce e aria per la vostra vita”.

Il pensiero del Pontefice si rivolge poi agli operatori sanitari: “Ogni intervento diagnostico, preventivo, terapeutico, di ricerca, cura e riabilitazione è rivolto alla persona malata, dove il sostantivo persona, viene sempre prima dell’aggettivo malata. Pertanto, il vostro agire sia costantemente proteso alla dignità e alla vita della persona, senza alcun cedimento ad atti di natura eutanasica, di suicidio assistito o soppressione della vita, nemmeno quando lo stato della malattia è irreversibile”. “Quando non potrete guarire, potrete sempre curare con gesti e procedure che diano ristoro e sollievo al malato”, raccomanda Papa Francesco.

Infine l’appello del Papa ai Governi di tutti i paesi del mondo: “Auspico che, coniugando i principi di solidarietà e sussidiarietà, si cooperi perché tutti abbiano accesso a cure adeguate per la salvaguardia e il recupero della salute”.

Allegati

Scheda per l'animazione pastorale parrocchiale
Scheda Teologico-Pastorale
Messaggio di Papa Francesco
Preghiera per la XXVIII Giornata Mondiale del Malato
Scheda Liturgica
Locandina XXVIII Giornata Mondiale del Malato
2020-01-08T09:50:13+01:00 7 Gennaio 2020|

New Courses

Contact Info

1600 Amphitheatre Parkway New York WC1 1BA

Telefono: 1.800.458.556 / 1.800.532.2112

Fax: 458 761-9562

Web: ThemeFusion

Articoli recenti

Instagram

  • Disponibile online e in tutte le parrocchie della Diocesi di Ragusa il nuovo numero di Insieme dedicato a "La città dell'uomo", che per essere costruita richiede un impegno costante, non solo a chi la governa, ma prima di tutto ai suoi cittadini
•
•
#diocesidiragusa #insieme #nuovonumero  #città #cittadinanza
  • Secondo incontro, della tre giorni del corso di formazione per Insegnanti di Religione  Cattolica: “La declinazione delle competenze di cittadinanza nel curriculum dell’IRC”, organizzato dall’Ufficio per l’Insegnamento della Religione Cattolica, presso il Salone Parrocchiale S. Pio X di Ragusa, alla presenza vescovo di Ragusa, monsignor Carmelo Cuttitta. 
Le parole di augurio del vescovo Cuttitta: “All’interno del percorso formativo e di crescita dei ragazzi, voi insegnanti di religione siete chiamati a portare una testimonianza di fede. Vi esorto ad esercitare il vostro servizio con la disponibilità e con la capacità di orientare ogni ragazzo verso la via del bene. Grazie per il vostro lavoro”
  • "Maranatha: Vieni Signore Gesù, chiediamo al Signore di venire in mezzo a noi, con un occhio di predilezione per le persone meno agiate"
Messaggio augurale del Vescovo Carmelo, per il Natale 2019
#diocesidiragusa #vescovocarmelocuttitta #natale2019
  • Aderire all’AC è dire a tutti che la Chiesa è tua, è tua madre, è la tua famiglia, è la tua casa, è il crocevia necessario per essere cristiani nel mondo.

#ac #azionecattolica #festadelladesione #gialloeazzurro #logo #associazione #diocesidiragusa #camminocristiano
  • Buon compleanno Santità

#papa #francesco #suasantitá #compleanno #auguri 
@vaticannews @ewtnvatican @acistampa @franciscus @laityfamilylife @pcpne
  • PRESEPI IN DIOCESI

La magia del presepe nelle nostre parrocchie e per le vie delle nostre città e dei nostri paesi. 
NATALE 2019

#nataleindiocesi #natale #presepetradizionale #presepi #natività #lamagiadelnatale
  • La Diocesi di Ragusa gioisce insieme a tutta Chiesa per il 50° anniversario di sacerdozio del Santo Padre Francesco.
Il Signore che lo ha chiamato a essere amministratore dei Santi Misteri e Vescovo di Roma, lo guidi e lo sostenga con la grazia del suo Spirito e gli doni la consolazione che deriva dalla preghiera di tutta la Chiesa.

Auguri di cuore Santità

#papafrancesco #papa #suasantitá #auguri #anniversario #sacerdozio 
@vaticannews @acistampa @franciscus @laityfamilylife @pcpne
  • "Durante il tempo di Avvento, all’iniziativa divina di andare incontro all’uomo deve corrispondere la disponibilità dell’uomo di alzare lo sguardo e guardare la stella d’Oriente; solo guardando il Cielo, ci si può orientare sulla terra. Solo guardando a Dio l’uomo può trovare sé stesso e riconoscere gli altri. Come i magi, allora, dobbiamo percorrere la strada che porta all’Onnipotente che si fa presente in quel Bambino. Il pianto di quella notte, infatti, ci dice Io Sono qui; prenditi cura di me. In questo tempo di grazia Dio desidera che l’uomo impari a prendersi cura di Lui. Come tutti i bambini è esigente e chiede dedizione totale. Il tempo di chi si prende cura dell’Altro non lo si può possedere ma lo si dona gratuitamente e totalmente. Non lasciamo che il grido del bambino si perda nel deserto dei nostri egoismi. Risuoni il pianto di quel bambino nella nostra mente e nel nostro cuore, affinché possiamo essere svegliati dal sonno che non ci fa credere, pregare e vivere orientati verso l’Altro. Il pianto di quel Bambino ci ricordi, quindi, il comandamento dell’Amore: amare Dio, che si fa prossimo a me, e amare il prossimo, attraverso cui mi avvicino a Dio". •
+Carmelo, vescovo
Messaggio di Avvento 2019
•
•
•
#diocesidiragusa #natale2019 #messaggio
  • Una cerimonia molto partecipata e un momento di gioia per tutta la Diocesi di Ragusa, l'ordinazione diaconale di Vincenzo Guastella, che si è tenuta in Cattedrale a Ragusa giovedì scorso. Questo il momento della consegna del Vangelo e dell'abbraccio tra monsignor Carmelo Cuttitta e Vincenzo 
#ordinazionediaconale #seminario #vincenzoguastella #diocesidiragusa #vescovocarmelocuttitta

Seguimi!