Secondo incontro Civicamente: “Mafia e Amministrazioni locali”

///Secondo incontro Civicamente: “Mafia e Amministrazioni locali”

Si è svolto sabato 11 maggio il secondo incontro dei percorsi di formazione politica e sociale “Civicamente”. Molto partecipato, come il primo, da giovani e adulti interessati e che hanno alimentato il dibattito finale. Il tema “Mafia e Amministrazioni locali” è stato trattato dal prof. Francesco Raniolo e dal prof. Ercole Giap Parini, entrambi dell’Università della Calabria. Ha moderato l’incontro Renato Meli, direttore dell’Ufficio per i problemi sociali e il lavoro della nostra Diocesi.

Il fenomeno mafioso è molto complesso e ne è stato affrontato solo un aspetto, anche attraverso la presentazione in anteprima nazionale di alcuni dati di una ricerca condotta sui Comuni sciolti per mafia in Calabria. La ricerca è scaturita da una richiesta della Commissione parlamentare di inchiesta antimafia. Sostanzialmente è emerso che la normativa che determina lo scioglimento delle amministrazioni occorre sia rivista in alcune parti ma al contempo non serve smantellarla del tutto: “bisogna buttare l’acqua sporca e non il bambino” (E. Giap Parini). “La democrazia, sistema di interazioni e di equilibri tra le parti che la compongono, rappresenta la difesa nei confronti della mafia” (F. Raniolo). “Possiamo affermare, dunque, che la mafia si può combattere con la democrazia, la conoscenza del fenomeno, la sensibilizzazione, l’educazione e le alleanze tra le parti sane di ogni comunità”

2019-05-13T12:38:43+02:00 13 Maggio 2019|