Condividi

Dall’Austria a Canicarao, i clown senza frontiere portano il sorriso tra i richiedenti asilo

Scritto da il 05/09/2017

Continua il tour in Sicilia di Clowns Senza Frontiere dell’Austria, con tappa a Canicarao presso lo Sprar dell Comune di Comiso gestito dalla Fondazione San Giovanni Battista “Accoglienza Casmenea”.
Il gruppo infatti ha offerto uno spettacolo ai giovani migranti presenti nel progetto e per l’occasione, i cancelli dell’antico Feudo di Canicarao si sono aperti anche ai visitatori che stanno seguendo i Clown dell’Austria in giro per i comuni della nostra provincia.
Lo spettacolo ha avuto come tema “Dov’è il mare?”. Un affascinante e poetico viaggio pieno di avventure ed emozioni, alla ricerca del mare inteso come meta e cammino per raggiungere nuovi luoghi, nuove speranze di vita, e sognare un futuro migliore. Il futuro disegnato dai clown è ricco di avventure, acrobazie, magie, ma anche di imprevisti, cadute, ostacoli che nel teatro, metafora della vita, coinvolgono il pubblico in esilaranti risate. Ogni situazione è buona per riflettere sulle proprie emozioni e attraverso lo spettacolo, ogni spettatore è reso protagonista, così che ognuno possa prendere coscienza del proprio percorso di vita.
Al termine dello spettacolo, i clown hanno continuato il loro impegno attraverso un workshop, in cui gli ospiti richiedenti e titolari di protezione internazionale di Canicarao hanno potuto cimentarsi in attività di giocoleria, equilibrismo e teatro.
“Siamo grati ai clown – spiegano i responsabili dello SPRAR di Canicarao – per aver condiviso con tutti noi questi momenti. I nostri ragazzi hanno salutato i Clown, certi che molte frontiere siano state abbattute e molti ponti siano gettati. Sappiamo che da oggi sarà possibile attraversare questo mare con la presenza di nuovi compagni di viaggio, che rivivranno nel ricordo di questa esperienza”.