Condividi

PROGETTO ESTAMOS JUNTOS: I NOMI DELLE VOLONTARIE SELEZIONATE

Scritto da Caritas il 04/11/2017 in Volontariato

Le tre volontarie individuate per il progetto “EstamosJuntos”, che svolgeranno con la Caritas di Ragusa 9 mesi di servizio a Ragusa e Lisbona, sono:

  • Fabrizia Macca, nata il 30/10/1989, di Modica
  • Viviana Modica, nata il 26/06/1994, di Acate
  • Anna Murer, nata il 17/12/1989, di Belluno

Ringraziamo tutte le giovani, motivate e competenti, che si sono candidate al progetto e che hanno riposto nella Caritas interesse e fiducia.

Il progetto ha suscitato una partecipazione superiore alle aspettative: abbiamo ricevuto un totale di 17 domande per 3 posti in regime di volontariato. Una forma di impegno che – lo ricordiamo  - al contrario di altre, quali ad esempio il servizio civile, non prevede alcun tipo di indennità. E’ interessante notare che di queste 17 domande, 9 sono giunte dalla provincia di Ragusa,7 dal resto d’Italia (Puglia, Veneto, Sardegna, Emilia Romagna, Abruzzo) e una dall’estero (Olanda).

Scegliere tre persone non è stato semplice, per la forte motivazione e le elevate competenze di molte candidate. Abbiamo assunto come criterio la rispondenza delle aspettative delle giovani a ciò che il progetto può realmente offrire, ossia l’opportunità di fare un’esperienza di vita che favorisca la crescita personale e professionale. Garantendo la copertura delle spese di vitto, alloggio, spostamenti e formazione, il progetto, sostenuto da Caritas italiana,  si apre a chi desidera mettersi alla prova e conoscere meglio il mondo e se stesso.

Il progetto prenderà avvio lunedì 13 novembre p.v.. I giovani trascorreranno il primo e l’ultimo trimestre a Ragusa, dove presteranno servizio presso la tenuta diocesana di contrada Magnì a sostegno dell’inserimento socio-lavorativo nel settore agricolo e in interventi di educazione ambientale e nonviolenta. A febbraio, marzo e aprile le ragazze staranno a Lisbona, dove presteranno servizio presso la Caritas diocesana di Lisbona (settore povertà, intercultura), la Comunida de Vida e Paz (settore senza dimora) e il Jesuit Refugee Service (settore rifugiati e migranti).

 Buon servizio alle nuove volontarie!