Condividi

Va in scena Serrerentola

Scritto da Caritas il 05/06/2017 in Progetto Presidio

"C’era una volta in un paesino della Sicilia una splendida ragazza il cui nome era Andrea, ma tutti la chiamavano Serrerentola perché lavorava tutto il giorno nelle serre. Il  padre separato dalla madre decide di partire per la Sicilia portandosi con se la piccola Andrea, ma appena arrivarono lì, il padre si innamorò di un elegante signora che aveva altre due figlie. Il padre era spesso fuori per lavoro e Andrea diventò la servetta della sua Matrigna e delle due sorrellastre che la trattavano sempre male, e invece di andare a scuola la mandarono a faticare sotto il sole e raccogliere ortaggi e verdure. Ma Serrerentola non sapeva che da lì a poco la sua vita sarebbe cambiata per sempre..."

La Caritas e l'Ufficio Migrantes della diocesi di Ragusa vi invitano a scoprire quale sarà il destino di Serrerentola, lo spettacolo preparato dai bambini che hanno frequentato il laboratorio del Presidio Caritas a Marina di Acate, col coordinamento di Silvia Leggio e la regia di Fabio Guastella e Lorenzo Licitra.

Serrerentola andrà in scena il 12 giugno al Teatro don Bosco di Ragusa alle ore 20 e il 15 giugno all'Auditorium Cesar De Bus di Vittoria alle ore 20.

"Questi bambini e ragazzi - dice Domenico Leggio, direttore della Caritas- vivono una infanzia privata della possibilità del gioco e dei contatti con i coetanei. Il laboratorio teatrale è servito a restituire loro, attraverso il canto e il teatro, dei momenti in cui potevano ritornare bambini e imparare il lavoro di gruppo, l'amicizia, la condivisione. Per la diocesi è molto importante che possano ricevere un applauso dalla cittadinanza e che vedano riconosciuta la loro presenza sul territorio"

Anche don Rosario Cavallo, direttore della Migrantes diocesana, insiste sull'importanza di questo spettacolo: "L'Uffiicio lavora con particolare impegno sull'idea di integrazione. Ci è parso che questo spettacolo fosse particolarmente significativo per testimoniare la vicinanza e l'attenzione della comunità cristiana verso i più piccoli".