Condividi

in vista della colletta del 18 settembre: cosa sta facendo la Chiesa italiana per i terremotati

Scritto da Caritas il 12/09/2016 in Emergenze nazionali ed internazionali

Si allega il comunicato stampa di Caritas Italiana che segue l’incontro tra Caritas Italiana, le Diocesi colpite e i delegati regionali, in modo da condividere e ribadire le linee degli interventi a sostegno delle comunità locali.

Particolare attenzione alle situazioni di fragilità (anziani, ammalati, minori, disabili...) e, territorialmente, alle frazioni ed alle piccole realtà lontane dai riflettori.

L’intervento Caritas al momento riguarda l’attuale fase di emergenza e primo aiuto con il sostegno alla popolazione (generi alimentari, prodotti per l’igiene…), allestimento di tende comunitarie, sostegno ai parroci, attenzione alle fragilità (anziani, minori, malati…), supporto alle famiglie delle vittime. Si articolerà poi con forme di accompagnamento della popolazione fino alla chiusura delle tendopoli: presenza nelle tendopoli, monitoraggio delle “tende sparse”, attività di ascolto, animazione delle comunità, segretariato sociale, rilevazione dei bisogni. Inoltre si prevedono interventi di sostegno diretto alle famiglie (contributi economici per particolari esigenze, acquisto di arredi, suppellettili, elettrodomestici andati distrutti) ed alle piccole realtà economiche a carattere familiare, sia per microinterventi di ripristino di strutture e attrezzature andate distrutte che per l’acquisto (per allevatori e agricoltori) di sementi, concimi o alimenti per il bestiame.

in vista della colletta del 18 settembre: cosa sta facendo la Chiesa italiana per i terremotati

Allegati